PRemio ASSOREL

PRemio ASSOREL

L

E’ in corso la sedicesima edizione del PRemio ASSOREL per le Relazioni Pubbliche il più ambito riconoscimento del settore, che designa la migliore campagna di RP dell’anno tra quelle effettuate nel corso del 2012.

Il PRemio ASSOREL per le Relazioni Pubbliche assegna, a partire dal 1997, il riconoscimento per la migliore campagna di Relazioni Pubbliche nell’area comunicazione di prodotto, corporate, finanziaria, interna, sociale CSR, sociale CRM, ambientale, BtoB, Digital PR/Social Media, integrata* e quella promossa per e dalla Pubblica Amministrazione.

Tra le novità dell’edizione di quest’anno l’introduzione della Categoria *Comunicazione Integrata, che riunisce le campagne di comunicazione governate dalle RP ma che prevedono investimenti anche in altre attività, oppure campagne che, pur governate da un forte investimento in altre discipline, abbiano una componente RP particolarmente rilevante.

Il PRemio ASSOREL per le RP è aperto a tutte le campagne di Relazioni Pubbliche presentate da Agenzie di RP e Comunicazione, ma anche ad Aziende, Enti Pubblici e Associazioni, perché intende valorizzare la crescente cultura relazionale dei nuovi orizzonti della comunicazione, anche digitale.

Il termine per la presentazione e consegna dei materiali ad Assorel è fissato per il 31 maggio 2013.
Tutte le info qui

Buy Windows 7 Ultimate
Discount
Order Windows 7 Ultimate
Cheap Windows 7 Ultimate
Sale Adobe Creative Suite 6 Master Collection

Buy Adobe Creative Suite 6 Master Collection
Sale Microsoft Office 2010 Professional Plus
Sale Microsoft Office 2010 Professional Plus
Buy Microsoft Office 2010 Professional Plus

Social Media: 52 cool facts and stats

Social Media: 52 cool facts and stats

PR Daily ha elaborato 52 cool facts and stats relativamente ai Social Media.

Si basano su statistiche e dati estrapolati da ricerche dell’Economist, del Times, della CNN, Twitter Press Centre, BNN News, etc.

Eccone alcuni:

  • In media gli utenti Facebook hanno 130 amici.
  • Su Twitter, vengono condivisi 750 tweet al secondo.
  • Le ricerche su Twitter sono molto di più rispetto a quelle di Bing e Yahoo messi insieme. Ben 24 miliardi!
  • Su Linkedin si iscrivono due nuovi membri ogni secondo; sono oltre 161 milioni i membri provenienti da 200 nazioni.
  • Su YouTube, il video più visto è “Bad Romance” di Lady Gaga, con più di 470 milioni di visualizzazioni.
  • I visitatori spendono in media 15 minuti al giorno su Youtube.
  • Ogni mese vengono messi on-line 3 milioni di nuovi blog; il 60% dei bloggers ha età compresa tra i 25 e i 44 anni.
  • Ogni giorno Pinterest può contare 1.3 milioni di visitatori; Pinterest genera un referral traffic paragonabile a quello di YouTube, Google+ e LinkedIn messi insieme.
  • Ogni giorno ci sono 625 mila nuovi utenti su Google+.
  • Più di 110 milioni di persone tra U.S.A. e Europa utilizzano i propri smartphone per accedere a social network e blog.
  • Ci si aspetta che i virtual gamers spenderanno 6miliardi di $ nel 2012.
  • Una coppia su cinque si incontra on-line.

Trovate tutte le altre a questo link.

Relazioni Pubbliche, la nuova definizione

Relazioni Pubbliche, la nuova definizione

Un nuova definizione di Relazioni Pubbliche, arriva dagli Stati Uniti, a seguito dell’importante progetto “Redefining Public Relations in the Age of Social Media” promosso da PRSA, che ha raccolto e organizzato i contributi delle persone che hanno pubblicamente partecipato.

“Public relations is a strategic communication process that builds mutually beneficial relationships between organizations and their publics”.

Questa nuova definizione, va a sostituire l’ultima, in ordine cronologico, elaborata nel 2008, dai canadesi Flynn, Gregory & Valin:

“Per relazioni pubbliche si intende la gestione strategica delle relazioni che esistono fra una organizzazione e i suoi diversi pubblici, attraverso la comunicazione, per raggiungere la comprensione reciproca, gli obiettivi organizzativi e servire l’interesse pubblico.”

Con questa definizione, venivano evidenziati sia il crescente ruolo delle RP nella governance che l’aspetto strategico.

La ricerca di una definizione condivisa non è un semplice esercizio retorico, ma un passo necessario per andare a definire funzioni e competenze di una professione.

Edward Louis Bernays, uno dei padri delle relazioni pubbliche, nel 1922 diede la prima definizione: la capacità di “interpretare la relazione tra l’organizzazione e i suoi pubblici e tra questi e l’organizzazione”, una modalità per “anticipare gli umori della gente”.

Da allora, sono state molte le definizioni ad opera dei maggiori esperti e dei più grandi professionisti.

Nell’era dei Social Media, le RP ottengono il riconoscimento di processo di comunicazione strategica e viene evidenziata la simmetria della relazione tra l’organizzazione e i suoi pubblici.

Non più solo attività tecnico-operative ma funzione strategica e di governance da sviluppare con stile manageriale finalizzata a “creare relazioni reciprocamente utili fra le organizzazioni e i loro pubblici” in un’ottica di sostenibilità e di rendicontazione permanente.

I love Twitter

I love Twitter

“Facebook è un posto dove stare in famiglia e con gli amici a guardare vecchie foto; Twitter è come spalancare le finestre ed essere investiti dal battito del mondo. Non è una esagerazione dirlo: ogni settimana viene inviato un miliardo di tweet (ci sono voluti tre anni due mesi e un giorno per arrivare al primo miliardo); nei quattro secondi dopo l’ultimo capodanno, in Giappone ne sono stati inviati 6939 al secondo (record imbattuto). Il numero esatto di quanti utenti ci siano, Twitter misteriosamente non lo rivela, ma stime attendibili dicono che sono stati superati i 200 milioni nel mondo (e i 2,4 milioni in Italia: quasi il doppio in dodici mesi).”

[Riccardo Luna, La repubblica 30/11/2011]

Vincenzo Cosenza, fra i più noti blogger italiani, nonché analista Web nella filiale romana della società Digital PR, ha analizzato i dati di crescita del Social Network, evidenziando numeri impressionanti: Audiweb/Nielsen ha rilevato 2.4 milioni di individui che hanno effettuato un accesso a Twitter.com almeno una volta nel mese attraverso un computer (da casa o ufficio).
Google, con altra metodologia, evidenzia 2.1 milioni di visitatori unici mensili (il dato considera gli accessi al sito twitter.com e dunque anche a m.twitter.com ma non quello tramite applicazioni client tipicamente usate da dispositivo mobile).

Twitter, anche in Italia, viene finalmente riconosiuto con tutte le sue potenzialità.

Che cosa sono le relazioni pubbliche?

Che cosa sono le relazioni pubbliche?

Una risposta univoca alla domanda “Che cosa sono le relazioni pubbliche?” non esiste o meglio, se ne possono dare tantissime.

Diverse scuole di pensiero e diversi autori e professionisti affermati hanno detto la loro.

“Relazioni umane e relazioni pubbliche: le relazioni tra individui, gruppi, categorie…[..]le relazioni umane fanno riferimento soprattutto alle relazioni all’interno di un gruppo omogeneo mentre le relazioni pubbliche sono intese come il rapporto di quel gruppo con il pubblico esterno.” G. Devoto – G.C. Oli, Vocabolario della Lingua Italiana.

“Le relazioni pubbliche sono la gestione della comunicazione tra un’organizzazione e i suoi pubblici.” J.E. Grunig (1984)

Per relazioni pubbliche si intende la gestione strategica delle relazioni che esistono fra una organizzazione e i suoi diversi pubblici,attraverso la comunicazione, per raggiungere la comprensione reciproca, gli obiettivi organizzativi e servire l’interesse pubblico”. (Flynn, Gregory & Valin, 2008)

Le relazioni pubbliche sono una disciplina della comunicazione d’impresa e fanno parte della scienza del management, che si occupa della gestione delle organizzazioni complesse. La funzione delle relazioni pubbliche è di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di un’organizzazione con un’attività continuativa, consapevole e programmata di gestione e di coordinamento dei sistemi di relazione che si attivano tra la stessa organizzazione e i suoi diversi segmenti di pubblico influente. Un’attività che deve essere sempre trasparente, corretta, a due vie. In particolare, compito specifico delle relazioni pubbliche è quello di orientare opinioni, atteggiamenti, comportamenti e decisioni – anche di consumo – degli stakeholders-influenti: soggetti che possono ostacolare o agevolare il raggiungimento degli obiettivi di un’organizzazione perchè dotati di specifici poteri decisionali o perchè ritenuti in grado di influenzare i primi.” Toni Muzi Falconi (2005)

L’attività professionale di Relazioni Pubbliche, unica o preminente, è definita dalla finalità di creare, di sviluppare e di gestire sistemi di relazione con i pubblici influenti sul raggiungimento degli obiettivi perseguiti da singoli, da imprese, da enti, da associazioni, da amministrazioni pubbliche e da altre organizzazioni.Le Relazioni Pubbliche comportano attività di analisi, di ricerca e di ascolto, di progettazione e pianificazione di programmi specifici di relazione e comunicazione con i pubblici influenti nonché attività di valutazione dei risultati conseguiti.” FERPI (art. 1 dello statuto)

Questo per far capire che “faccio il PR ma non ballo sui cubi“, come disse (provocatoriamente) Giampietro Vecchiato, per definire la sua professione.

Volendo approfondire, esistono gli Accordi di Stoccolma, che rappresenteranno un nuovo manifesto globale sulle Relazioni pubbliche.

[Photo Credits]