When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Il plan di comunicazione

Il piano di comunicazione definisce le modalità, gli strumenti e le tempistiche con cui gli obiettivi prefissi verranno perseguiti.
Il piano di comunicazione, oltre che come strumento, può essere anche inteso come processo organizzativo.
Il piano deve definire in dettaglio:

  • i diversi pubblici ( ovvero le categorie di destinatari), potenzialmente oggetto di un approccio differente;
  • i mezzo di comunicazione più adeguati;
  • una programmazione delle attività (programmazione a breve, medio e lungo termine):eventi, progetti, argomenti, notizie …
  • il budget;
  • schede di verifica sull’efficacia;

Dovrà prevedere:

  • un’analisi per identificare le aree di forza/debolezza e le opportunità/minacce della Cantina;
  • l’individuazione di obiettivi e pubblici;
  • la definizione delle tempistiche di attuazione;
  • l’analisi dei costi supplementari per sostenerne l’implementazione.

Dovrà contenere inoltre elementi descrittivi e quantitativi:

  • breve analisi di mercato: clienti, concorrenza, competitività e potenziale di comunicazione; analisi delle leve: prodotto, pubblico, posizionamento, pubblicità;
  • documenti relativi a target/pubblici, dettaglio attività di comunicazione (tipologia, fasi, obiettivi specifici), mezzi prescelti, timing, valorizzazione economica.

Tra le varie attività, la redazione del plan di comunicazione è quella che preferisco; richiede non solo tecnica e preparazione ma anche una buona dose di creatività e tantissimo coinvolgimento con l’azienda.
Non è possibile, secondo me, capire esattamente cosa comunicare e come, se non si vive davvero ‘l’azienda’. Per elaborare un progetto si deve conoscere non solo gli obiettivi (ovvero il futuro) ma anche la storia, le persone, le abitudini, le tradizioni. Bisogna comprendere valori e pregi, punti di forza e di debolezza, e questo non lo puoi fare se non passi molto tempo coi protagonisti.
E poi c’è tanta ‘ispirazione’ che deriva dal territorio e dai prodotti, quindi, la conoscenza anche delle loro caratteristiche, del loro evolversi.
Una passeggiata in vigna, qualche ora in cantina, aiutano più di tanti brief fatti in ufficio o in studio.

0